segretario, e segretaro

SEGRETARIO, e SEGRETARO.

Che s' adopera negli affari segreti, quegli, che scrive suppliche del suo signore, o per lui scrive lettere. Lat. a secretis, ab epistolis.
G. V. 163. 1. La cagione nullo sapea, se non certi segretarj.
¶ Per quegli che tien segrete le cose, che gli son conferite. Arcanorum celantissimus.
Bocc. n. 79. 23. Perche mi trovava così buon segretaro.
Lib. Amor. All' amatrice conceduto è d' aver simile segretária.
Petr. Son. 136. Amor mi manda quel dolce pensiero, Che segretario antico è fra noi due.
¶ Per luogo segreto. Lat. secretum, locus secretus.
Mor. S. Greg. Dee sollecitamente attendere di volere appresso di se stesso nel segretario della sua mente sedere nella cattedra dell' umilitade.