segretario, e segretaro

SEGRETARIO, e SEGRETARO.

Che s' adopera negli affari segreti, quegli, che scrive suppliche del suo signore, o per lui scrive lettere. Lat. a secretis, ab epistolis.
G. V. 163. 1. La cagione nullo sapea, se non certi segretarj.
¶ Per quegli che tien segrete le cose, che gli son conferite. Arcanorum celantissimus.
Bocc. n. 79. 23. Perche mi trovava così buon segretaro.
Lib. Amor. All' amatrice conceduto è d' aver simile segretária.
Petr. Son. 136. Amor mi manda quel dolce pensiero, Che segretario antico è fra noi due.
¶ Per luogo segreto. Lat. secretum, locus secretus.
Mor. S. Greg. Dee sollecitamente attendere di volere appresso di se stesso nel segretario della sua mente sedere nella cattedra dell' umilitade.
Accademia della Crusca © 1612