sformato

sformato

(sfor'mato)
aggettivo
che ha perso la sua forma originale un maglione sformato

sformato


aggettivo
cucina cibo cotto dentro uno stampo sformato di patate

SFORMATO.

Deforme, di brutta forma. Lat. deformis.
Bocc. n. 54. 2. Essendo di persona piccolo, e sformato.
Introd. alle Vir. Venne contro a lei un grandissimo Cavaliere molto sformato.
Passav. 240. La figura del Diavolo è impronta nell' anima, e tante sformate immagini, sozze, e stravolte.
¶ Per ismisurato, smoderato. Latin. immensus, ingens.
M. V. 2. 44. Subitamente del mese di Luglio, si mosse una sformata tempesta di vento.
G. V. 10. 220. 1. E fu molto sformata a comparazion dell' altre della Città. E lib. 11. 129. 2. Acciocchè i nostri successori si guardino di dare le sformate balíe.
¶ Per fuor del comune uso, che anche diremmo STRAVAGANTE. Lat. enormis.
G. V. 12. 4. 3. Non è da lasciare di far memoria d' una sformata mutazion d' abito.
Maestruz. Se già non si temesse dello scandalo, per lo troppo sformato vizio, o vero pericolo, per la troppa debilitade.
Traduzioni

sformato

deformed, cake, fish cake/potato cake, flan

sformato

Auflauf, Kuchen

sformato

koláč

sformato

tærte

sformato

τάρτα

sformato

torttu

sformato

otvoren voćni kolač

sformato

フラン

sformato

위를 덮지 않은 파이

sformato

vlaai

sformato

tertebunn

sformato

flan

sformato

flã, flan

sformato

mördegsbotten

sformato

คัสตาร์ด

sformato

turta

sformato

bánh flan

sformato

果馅饼

sformato

1/a [sforˈmato] agg (che ha perso forma) → shapeless

sformato

2 [sforˈmato] sm (Culin) type of soufflé