solvere

SOLVERE.

Sciorre. Lat. solvere.
Dan. Par. 32. Ma io ti solverò forte legame, In che ti stringon li pensier sottili. E Purg. 16. E d' iracondia van solvendo il nodo.
Boc. nov. 95. 8. Per solverti il legame della promessa.
¶ Per metaf. in conseguenza, liberare.
Dan. Inf. 2. Da questa pena acciocchè tu ti solve, Dirotti, perch' i' venni. E Par. 7. Ma io ti solverò tosto la mente, e tu ascolta.
¶ Per dichiarare. Lat. solvere, declarare.
Cavalc. Fr. ling. Molto meglio si solvono li dubbi, e le quistioni, per le sante orazioni, che per sottile disputazione.
Bocc. n. 98. 47. I miei fati mi traggono a dover solvere la dura quistion di costoro. E lab. n. 243. Ti voglio trar d' un pensiero, ec. solvendoti una obbiezione, che far potresti.
Solvere il digiuno, vale romperlo.
Dan. Par. 18. Solvetemi spirando il gran digiuno, Che lungamente m' ha tenuto in fame.
Petr. Son. 198. Sendo io tornato a solvere il digiuno Di veder lei.
Dan. Par. 21. Mi disse solvi il tuo caldo disio [cioè sazia]
Dan. Purg. 25. E quando Lachesis non ha più lino, Solvesi dalla carne [cioè si separa]
¶ Per lo levarsi del vento.
Bocc. n. 14. 10. Solutosi subitamente nell' aere un gruppo di vento, ec.
E Solvere il ventre, cioè muovere. Lat. alvuum solvere.
Cr. 1. 4. 13. L' acqua tiepida, quando sarà bevuta a digiuno, ec. solverà il ventre.
Accademia della Crusca © 1612
Traduzioni

solvere

dissolve