sottile

(Reindirizzato da sottili)

sottile

(so't:ile)
aggettivo
1. che ha poco spessore corda sottile strato sottile
molto rarefatta e leggera
2. lungo e magro gambe sottili figura sottile
figurato debole e acuta
3. dotato di perspicacia ingegno sottile mente sottile
4. figurato che percepisce in modo molto accurato vista sottile naso sottile
5. curato nei particolari un ragionamento sottile un'argomentazione sottile

SOTTILE.

Avverb. sottilmente. Lat. subtiliter, acutè.
Dan. Rim. Io non lo intendo sì parla sottile [cioè profondamente]

SOTTILE.

Sust. necessità, stremità. Lat. necessitas, inopia, egestas.
G. V. 9. 88. 1. Mess. Cane, con suo sforzo, venne ad oste sopra i Padovani, ec. e recolli sì al sottile, che, ec.
¶ Diciamo guardarla nel sottile, e vuol dire, esser fisicoso, e troppo appunto, o considerato.
¶ E cavare il sottil del sottile, si dice, di chi, con l' industria, non istrazia niente, e fa comparire il poco.

SOTTILE.

Contrario di grosso. Lat. subtilis.
Bocc. n. 42. 14. A noi convien far far corde molto più sottili agli archi de' vostri arcieri. E g. 6. f. 12. Non altramenti i loro candidi corpi nascondeva, che farebbe una vermiglia rosa un sottil vetro. E nov. 63. 5. Ed il viver sobriamente faccia gli huomini magri, e sottili. E nov. 80. 10. Recaron le schiave due lenzuoli bianchissimi, e sottili.
Petr. Son. 153. Un liquido sottile Fuoco, che m' arde alla più algente bruma.
M. V. 3. 67. Traendone l' aver sottile, e profondando i legni in Mare [cioè di pregio]
Aggiunto a, navilio, val leggieri.
Bocc. nov. 34. 9. Fece due galee sottili armare, e misevi sù di valenti huomini. E nov. 14. 4. Comperò un legnetto sottile da corseggiare.
Bocc. n. 1. 14. Avendo l' udir sottile, sì come le più volte veggiamo avere a gl' infermi [cioè buono, esquisito]
¶ Per metaf. acuto, ingegnoso. Lat. acutus, sagax, vafer.
Dan. Par. 32. Ma io ti solverò forte legame, In che ti stringon li pensier sottili.
Bocc. n. 59. 8. E tennero, per innanzi, Mess. Betto, sottile e intendente Cavaliere.
Cavalc. Fr. Ling. Molto meglio si solvono li dubbi per le sante orazioni, che per sottili disputazioni.
Petr. Son. 210. E temo, ch' ella Non abbia a schifo il mio dir troppo umile, Degna d' assai più alto, e più sottile [cioè eccellente]
Bocc. n. 80. 32. Huomo di grande intelletto, e di sottile ingegno. E nov. 84. 10. Il Fortarrigo in una sottil malizia entrato [cioè fine]
¶ Per meschino, parco. Lat. parcus, miser.
Bocc. n. 63. 5. Oltre alla sottil vita, le vigilie lunghe, ec.
Amm. Ant. Vennero a sottil mensa, e poveri cibi, e per questo guerirono.
¶ Per dilicato, gentile. Lat. delicatus, mollis.
Tes. Br. lib. 5. 36. Elli beccano lo ferro, e sonne molto vaghi, e sì il consumano, come un sottil pasto [cioè leggieri, e agevole a digerirsi]
¶ Per istremo, manchevole. Lat. cassus.
G. V. 8. 96. 6. I cittadini, che erano al serraglio, si cominciarono a partire, onde rimase molto sottile di gente.
Traduzioni

sottile

sutil, fino, subtil

sottile

проницателен, рядък, слаб, тънък

sottile

drobounký, fajn, pěkně, štíhlý, nepatrný, tenký

sottile

maldika, subtila

sottile

bârik, nâzok, zarif ①

sottile

mince, subtil

sottile

acute, gracile, subtil, tenue

sottile

plonas

sottile

slab, subtil, subţire, svelt, zvelt

sottile

baareek, naazuk, zarif

sottile

subtil, tynd

sottile

hienovarainen, ohut

sottile

suptilan, tanak

sottile

微妙な, 薄い

sottile

미묘한, 얇은

sottile

dun, subtiel

sottile

subtil, tynn

sottile

subtil, tunn

sottile

ซึ่งบอกเป็นนัยๆ, ผอม บาง

sottile

mỏng, tinh vi

sottile

[sotˈtile]
1. agg
a. (fetta, corda, viso) → thin; (figura, caviglia) → slim, slender; (capelli) → fine; (profumo) → delicate
b. (fig, YYY) (vista) → sharp, keen; (ragionamento, significato, ironia) → subtle; (mente) → subtle, shrewd; (differenza) → slight
2. sm non andare troppo per il sottilenot to mince matters