spirare

(Reindirizzato da spiravi)

spirare

(spi'rare)
verbo intransitivo aus. avere
vento soffiare più o meno intensamente Spira una lieve brezza.

spirare

(spi'rare)
verbo intransitivo aus. essere
esalare l'ultimo respiro È spirato all'alba.

SPIRARE.

Il soffiar de' venti, ed è proprio il soffiar leggiermente. Lat. spirare, flare.
Petr. Son. 87. L' aura soave, che dal chiaro viso Muove, col suon delle parole accorte, Per far dolce sereno, ovunque spira.
Dan. Par. 16. Come s' avviva allo spirar de' venti Carbone in fiamma. E Inf. c. 3. Come la rena, quando 'l turbo spira.
¶ Per uscir fuora.
Lab. n. 262. Spira un fumo sulfureo sì fetido, e sì spiacevole, che, ec.
Dan. Pur. 4. Tua cura Se stessa lega, perchè fuor non spira. E Inf. 34. Come quando una grossa nebbia spira.
But. Cioè quando è una grossa nebbia.
E Dan. Par. 37. E 'l terzo parea foco, Che quinci, e quindi egualmente si spiri.
But. Cioè proceda.
¶ In vece di mandar fuora.
Passav. 361. Non potendosi liberamente muovere, ne trarre a se gli spiriti, ne spirargli fuori.
Petr. Son. 126. Con leggiadro dolor par ch' ella spiri Alta pietà.
¶ In vece di respirare. Lat. spirare, animam attrahere.
Dan. Inf. 28. Tu che spirando vai, veggendo i morti.
Tes. Br. 4. 5. E a nullo altro animal d' acqua addiviene quello, che a lui, che, mentre, ch' elli sta sotto l' acqua, non può spirare.
¶ Per metaf. ripigliare spirito, ricrearsi.
G. V. 3. 5. 4. Onde la nostra Città di Firenze, ec. per le sopraddette guerre, e afflizioni, non potea spirare, ne mostrar sue forze.
¶ Per infondere, dare inspirazione. Lat. afflare, inspirare.
Dan. Par. 2. Minerva spira, e conducemi Apollo. E Par. 6. A Dio, per grazia, piacque di spirarmi l' alto lavoro.
Lab. n. 244. Da questa subita sapienza, divinamente in loro spirata, ne nasce.
G. V. 2. 9. 1. Per modo, che Iddio spirò in lui la sua grazia. E lib. 11. 134. 2. Noi rispondemmo alla quistione, come Dio ne spirò.
Passav. 312. Parlarono, e scrissono spirati dallo Spirito santo.
Petr. Son. 228. Poi quel dolce disio, ch' Amor mi spira, Menami a morte.
¶ Per produrre. Latin. ferre, producere, gignere.
Dan. Par. 10. Che sempre la sazia, Mostrando come spira, e come figlia. E appresso. Guardando nel suo figlio con l' amore, Che l' uno, e l' altro eternalmente spira.
Parlandosi di tempo, o di cose, che abbiano relazione a tempo, vale finire, terminare. Lat. deficere, absolvi.
G. V. 11. 58. 4. Benchè allora era già spirato il termine della detta lega. E cap. 60. 1. E già il termine della lega spirato.
¶ Per intendere, spiare. Lat. intelligere, explorare.
G. V. 6. 80. 3. Avendo alcuna cosa spirato dell' attendere dell' oste de' Fiorentini.
¶ E SPIRARE lo diciamo per morire, cioè mandar fuor l' ultimo spirito. Lat. efflare animum.
Morg. Rinaldo, e gli altri stavan come suole, Chi padre, o madre ragguarda, che spiri.
Traduzioni

spirare

jân dâdan, marhum šodan

spirare

expirar, morir, perimer, sufflar

spirare

slockna

spirare

หมดอายุ

spirare

有効期限

spirare

udløbet

spirare

изтичане

spirare

1 [spiˈrare] vi (aus avere) (vento) → to blow; (odore, emanare) spirare dato come from
spira aria di burrasca (fig) → there's trouble brewing

spirare

2 [spiˈrare] vi (aus essere) (morire) → to expire, pass away; (scadere) → to expire