stendere

(Reindirizzato da stendo)

stendere

('stɛndere)
verbo transitivo
1. aprire in tutta la sua lunghezza stendere le braccia stendere le gambe
2. anche assol. mettere all'aria stendere i panni ad asciugare
3. svolgere qlco di piegato stendere la coperta sul letto
4. passare qlco su una superficie stendere la vernice stendere la marmellata sul pane
5. mettere qlco o qlcu a giacere, mettere disteso Lo stesero sulla barella dell'ambulanza.
6. gettare per terra Lo stese con un pugno in faccia.
7. figurato lasciare qlcu senza parole Con la sua risposta ci ha stesi tutti.
8. mettere qlco per iscritto stendere un verbale

STENDERE.

Distendere. Lat. extendere, porrigere.
Bocc. nov. 68. 6. Arriguccio, stendendo il piè per lo letto, gli venne questo spago trovato. E nov. 50. 17. avendo, ec. alquanto le dita dell' una mano stese in terra, fuor della cesta.
Dan. Inf. c. 8. Allora stese al legno ambe le mani.
G. V. 8. 55. 9. Veggendo i Fiamminghi usciti a campo fece stendere il campo.
Tes. Br. 2. 38. Appresso lo 'ntorniamento dell' aere si è affisso il quarto elemento, cioè il fuoco, il quale è un' aere di fuoco, sanza nullo umidóre, e stendesi infino entro la Luna, e aggira questo aere, ove noi siamo.
Com. Par. 19. Gli Appostoli rendevano il veder a' ciechi, l' udire a' sordi, il parlare a' mutoli, stendevano li contratti, sanavano li corpi, e liberavano l' anime.
Dan. Par. 2. Benchè nel quanto tanto non si stenda la vista più lontana. E Purg. 15. Sì che quantunque carità si stende Cresce sovr' essa l' eterno valore.
Petr. Son. 235. Piè miei, vostra ragion là non si stende [cioè non arriva, non aggiugne] Lat. pervenire.
¶ Per lo scaricar dell' arco. Lat. remittere.
Amm. ant. a studio si stende l' arco, acciocchè nel suo tempo si tenda.
¶ Per metaf.
Petr. cap. 10. L' arte guasta tra noi allor non vile, Ma breve, e oscura ei la dichiara e stende [cioè spiana, e splica] Lat. explicare.
Bocc. nov. 98. 6. Tanto più accendendosi, quanto più nel pensier s' estendea [cioè si profondava]
G. V. 10. 41. 3. Ed era sì steso per audacia di quella sua scienzia in cose proibite, e non vere, che ec. [cioè internato]
Bocc. nov. 79. 14. La cui scienzia non si stendeva più oltre, che il medicare i fanciulli del lattime [cioè non passava più avanti]
Rettor. Tull. Con grande sollecitudine stendette suo ingegno a traslatare di greco in latino una certa, ec [cioè applicò]
Tes. Br. 7. 15. E allora disse elli medesimo, chi è lusinghiere stende malizie [cioè sparge]
G. V. 10. 6. 5. Stendendosi la novella in Firenze [cioè divolgandosi]
L' usiamo anche per raccorre, come stendere un bucato. Lat. colligere.
Morg. Stu mi vedessi stendere un bucato.
Traduzioni

stendere

espalhar, colocar

stendere

издавам, протягам, разреждам, разтягам, разширявам

stendere

strække, udbrede, lægge, sprede

stendere

streĉi

stendere

gostardan, keš dâdan, pahn kardan, yâkhtan [yâz-]

stendere

disponer, distender, distribuer, exponer, extender, rediger

stendere

položit, roztáhnout

stendere

asettaa, levittää

stendere

položiti, širiti

stendere

広げる, 置く

stendere

...에 (...을) 펴다, (…을) 놓다

stendere

legge, spre

stendere

ligga, sprida

stendere

คลี่, วางลง

stendere

yatırmak, yaymak

stendere

bày biện, trải ra

stendere

展开, 放置

stendere

[ˈstɛndere] vb irreg
1. vt
a. (braccia, gambe) → to stretch (out); (tovaglia) → to spread (out); (bucato) → to hang out; (spalmare) → to spread; (pasta) → to roll out
b. (persona, far giacere) → to lay (down); (gettare a terra) (fig) (vincere) → to floor; (uccidere) → to kill
far stendere qn → to lay sb down
c. (lettera, verbale) → to draw up
2. (stendersi) vr (persona) → to lie down
stendersi a terra/sul letto → to lie down on the ground/on the bed
3. (stendersi) vip (pianura, vallata) → to extend, stretch