trapassamento

TRAPASSAMENTO.

Il trapassare. Lat. transitus, us.
Filoc. lib. 4. 174. Mancasse, per lungo trapassamento di tempo.
Lib. dicer. Avemo fermato per saramento, che 'l detto Currado, appresso il trapassamento della vita del detto suo padre, terremo a Signore, e 'mperadore.
Amm. ant. Acciocchè per li subiti trapassamenti di parlare, e d' opre, quasi per sassi contrastanti, sia rotta.
Mor. S. Greg. Nel piede sì figura il trapassamento dell' operazione, e nel capo si figura questo Mondo.
Medit. arb. cr. In tanto trapassamento d' ardor di mente.
Collaz. S. Pad. Il peccato, che quegli commise, per trapassamento del comandamento d' Iddio, non debbe veramente, ec. [cioè trasgredimento, prevaricazione]