vivanda

vivanda

(vi'vanda)
nome femminile
cibo preparato per il pasto portare le vivande in tavola
Kernerman English Multilingual Dictionary © 2006-2013 K Dictionaries Ltd.

VIVANDA.

Ciò che si mangia, cibo. Lat. aepule, arum.
Bocc. n. 79. 10. E oltre a questo le molte varie vivande. E nov. 92. 9. E di buone vivande, e di buoni vini serviti furono.
Petr. canz. 9. 2. E poi la mensa ingombra Di povere vivande.
Dan. Par. 11. Ma il suo peculio di nuova vivanda è fatto ghiotto. E Purg. 22. Mele, e locuste furon le vivande, che nudriro il Batista.
Tes. Br. 2. 33. Fa la virtude retentiva, cioè quella, che tiene la vivanda.
M. V. 7. 74. E vivanda non avieno da mantenere il campo, tanto che 'l Re gli potesse soccorrere.
¶ Diciamo in proverbio. La vivanda vera è l' animo e la cera: dicesi a chi si scusa d' essere scarso, nell' onorare altrui, e dargli poche vivande, e di poco pregio. Lat. animus, et vultus hospitis, verae dapes.
¶ E ad un vasetto traforato, ove si mette dentro fuoco, per tener calde le vivande ne' piattelli. Diciamo Scaldavivande, detto da alcuni in lat. foculus.
Accademia della Crusca © 1612
Traduzioni

vivanda

Speise

vivanda

food, viand

vivanda

ястие

vivanda

manĝaĵo

vivanda

aliment, mets

vivanda

alimento, cibo, nutrimento

vivanda

aliment

vivanda

пища

vivanda

kost

vivanda

[viˈvanda] sf (cibo) → food no pl; (piatto) → dish
Collins Italian Dictionary 1st Edition © HarperCollins Publishers 1995